Ciò che dovresti leggere

venerdì 1 dicembre 2017

Recensione 22: L'artista della morte, Michele Franco



"La malvagità è dentro di noi, ci accarezza, ci culla 
tra le sue lunghe e possenti braccia.
Nessun uomo ne è privo e la differenza 
consiste nella capacità di dominarla."


Nella recensione di oggi vi parlerò di "L'artista della morte", il nuovo thriller di Michele Franco (di cui ho già recensito K-35 qui).
Diamo uno sguardo alla trama.

Un feroce serial killer cattura due ragazze per volta e, dopo averle narcotizzate, ne uccide una, mentre costringe l'altra a guardare e la rilascia al termine del massacro. Perché fa così? Perché, poi, rischiare così tanto? Durante il corso delle indagini Giacomo Ranieri, un abile commissario, con l'aiuto di Elena Monni, testimone del primo delitto, viene a scoprire che l'assassino non considera quelle uccisioni degli omicidi, ma materia per completare la sua 'opera d'arte' ed i testimoni suoi critici. Inizia così una corsa contro il tempo per scoprire l'identità 'dell'artista della morte' e fermarlo, prima che concluda il suo 'capolavoro'.